Ricollocarsi al lavoro dopo i 40 anni

Giacomo Susca giornalista del quotidiano Il Giornale, mi ha intervistato in merito alla ricollocazione dei over 40/50 anni. Trovate l’articolo a pag. 19 nel quotidiano “Il Giornale” di lunedì 18 Aprile.

Per chi è interessato terrò degli incontri di coaching individuali per la consulenza al lavoro e per realizzare e soddisfare i tuoi obiettivi professionali. Il Coaching è uno strumento potente ed efficace  per raggiungere obiettivi impegnativi, per acquisire nuove abilità e comportamenti ed incrementare le proprie prestazioni.
Il Coaching favorisce il cambiamento personale, aiutandoti a superare gli ostacoli interni ed esterni e a riscoprire le tue risorse più profonde, ritrovando la motivazione e l’energia per migliorare la qualità della tua vita.

Coaching individuale: Consulenza al lavoro
con il Coach del lavoro e della carriera Massimo Perciavalle

Un programma per sentirsi meglio giorno dopo giorno

Se ti senti in un periodo stressante o sovraccarico per gli impegni giornalieri, spossato e a volte senza energia funziona condizionare la tua mente utilizzando visualizzazioni di immagini ed eventi favorevoli per te. Il cervello infatti non distingue tra ciò che è reale o vividamente immaginato.

Possiamo intervenire sempre sui nostri pensieri e renderli più potenzianti ed utili per noi.
Utilizzare parole potenzianti nel proprio linguaggio significa abituarsi ad utilizzare parole come: si, sicuramente, siamo esperti, possiamo farlo, integrare, rafforzare, afferrare, fiducia. Utilizzare i verbi al presente . Sono tutte quelle parole che danno alla nostra comunicazione una connotazione positiva.
Tutte queste parole agiscono a livello inconscio e ci aiutano ad agire in maniera più costruttiva verso il raggiungimento dei propri obiettivi.
A tale proposito ho sviluppato un programma giornaliero di pensieri produttivi basato su 10 punti;
puoi seguire questo programma per 10 giorni e trasformare ogni pensiero in un obiettivo da portare a termine, uno al giorno. Seguire questo programma ti procurerà maggiore benessere e distensione emotiva, e migliorerà il tuo rapporto con gli altri.
Il programma si chiama “voglio sentirmi bene, oggi”.

Come-stare-bene-con-se-stessi-e-con-gli-altri

1) Voglio sentirmi bene oggi per cui accetterò i miei difetti e le mie insicurezze e inizierò ad amarmi

2) Voglio sentirmi bene oggi per cui dedico un pensiero di gratitudine al mattino perché esisto

3) Voglio sentirmi bene oggi per cui sorriderò a tutte le persone che incontrerò

4) Voglio sentirmi bene oggi per cui mi prenderò cura del mio corpo, farò esercizio, mi nutro in maniera equilibrata

5) Voglio sentirmi bene oggi per cui pianifico un obiettivo importante per me e mi impegno con energia e concentrazione per portarlo a termine

6) Voglio sentirmi bene oggi per cui sarò gentile con gli altri, farò silenzio nella mia mente e nel mio spirito e allontanerò i miei giudizi

7) Voglio sentirmi bene oggi interrompo le mie abitudini negative, la navigazione sul web prolungata e le sostituisco con una parte di attività creative che mi permetteranno di esprimermi

8) Voglio sentirmi bene oggi e offrirò valore e affetto a chi mi sta accanto

9) Voglio sentirmi bene oggi, vivo intensamente il momento e osservo di più chi ho di fronte, relazionandomi al meglio

10) Voglio sentirmi bene oggi, perché ho talento e mi sento bello così come sono.

Tu sei il timoniere della tua nave. Solo tu puoi indirizzarla e scegliere il percorso professionale migliore per te! Non c’è tempesta che possa ostacolarti.

Coaching individuale: Consulenza al lavoro
con il Coach del lavoro e della carriera Massimo Perciavalle

Raggiungi il meglio 16 Aprile Roma

Sei fortemente interessato a dare una risposta a una di queste domande?

• Capire che cosa è importante per te in questo momento e cosa ti dà reale soddisfazione?
• Sapere quali sono i tuoi talenti e capire se sono quelli giusti per avere successo nel mercato del lavoro?
• Avere gli strumenti 2.0 per riuscire meglio sul mercato e rendere vincente la tua immagine professionale?

Se la risposta è Sì, allora sei pronto a venire nel nostro workshop Raggiungi il meglio!

Con esercizi pratici e autovalutazioni sarai in grado di portare a casa una strategia per iniziare un nuovo percorso di successo e soddisfazioni.

Durata e Location:
Il corso si svolgerà il giorno 16 Aprile, dalle ore 10.00 alle ore 13.00 presso la sede di Make it So sita in via Paolo Paruta 20 a 150 m. dalla fermata metropolitana Ponte Lungo

Make it So è una società certificata in accordo alla UNI EN ISO 9001:2008 dall’ente di certificazione internazionale QMS CERT.
I trainer e Coach del Workshop:

  Mauro Pillan – Trainer & Executive Coach:

Da oltre 20 anni si occupa di crescita individuale e organizzativa per importanti aziende e professionisti.  Aiuta le persone nella realizzazione dei loro desideri. Autore del libro Parti da te! Edito da Franco Angeli

  Massimo Perciavalle – Trainer e Coach del lavoro e la professione:

Responsabile didattico di Make it So. Trainer comportamentale per importanti aziende e professionisti.  Autore del libro Ottieni il lavoro che vuoi edito da Franco Angeli

Costi

L’incontro è una palestra applicativa, con esercizi pratici individuali e di gruppo

Il costo dell’incontro è di € 60.00

3 ebook per trovare lavoro

Inserzione di Annalisa Piersigilli sul mio libro Ottieni il lavoro che vuoi, nell’ articolo “3 Ebook per trovare lavoro“, lo trovate nella rivista di Donna Moderna n.12 a pag 155

 

donna moderna massimo

Parte intregrale dell’articolo:

Non solo romanzi e racconti. Nelle librerie digitali è boom di manuali per chi cerca un impiego o vuole aprire un’impresa. Siamo andati a curiosare.

Per trovare un posto di lavoro i nativi digitali oggi puntano sugli ebook: l’anno scorso la loro diffusione è cresciuta del 40% (dati Digital book world conference). Il perchè è semplice: si risparmia qualche euro rispetto alla versiona cartacea e in pochi minuti si scaricano i titoli più nuovi. Comodo soprattutto se si è rimasti colpiti dalla nuova guida di un famoso career coach americano che, nelle librerie italiana, non è ancora arrivata.
Come, per esempio, The Creator’s Code di Amy Wilkison, docente della Stanford graduate school of business, che rileva i segreti del successo aziendale attraverso 200 interviste a famosi imprenditori. Anche gli autori del nostro Paese diventano sempre più popolari nelle librerie digitali. Qui trovi tre libri che sono stati molto acquistati nella versione ebook. Un distillato di consigli che contengono per ottenere quello che vuoi dalla tua carriera.

SE VUOI CAMBIARE POSTO
Ottieni il lavoro che vuoi 
di Massimo Perciavalle
(Franco Angeli, ebook 13 euro)

  • Fai una veloce analisi della tua situazione lavorativa.Quanto sei vicino alla tua realizzazione? Mettere nero su bianco aspirazione e obiettivi raggiunti ti aiuterà a chiarire le idee.
  • Usa il linguaggio giusto:evita di usare “non” ed espressioni come “non posso facerla” o “non ho le competenze giuste”. Tutto si può acquisire e sviluppare, basta impegnarsi.
  • Prima di mandare curricula a raffica fai un bilancio delle tue competenze. Cerca di capire in quali settori e aziende puoi essere più adatto. Vedrai che i risultati saranno migliori

Per incontri di coaching individuali per la consulenza al lavoro e per realizzare e soddisfare i tuoi obiettivi professionali, invia una mail a m.perciavalle@makeitso.it

Trovare il lavoro dei tuoi sogni: fatti 4 domande prima del colloquio

landscape-1446050266-cosmojob

Fatti 4 domande prima del colloquio

Massimo Perciavalle, career coach e autore di Ottieni il lavoro che vuoi (FrancoAngeli Editore, 19 euro), ti consiglia di verificare la tua preparazione auto-intervistandoti. Ecco le domande chiave.

  1. Sono in grado di raccontare la mia storia formativa e professionale? Affidati alle regole dello storytelling e prepara una presentazione di te stessa e delle tue competenze nel settore per cui ti candidi.
  2. Quali sono i miei punti deboli? Se li metti bene a fuoco, riuscirai con più facilità a farli passare in secondo piano, preparando le risposte giuste agli eventuali dubbi che il selezionatore solleverà durante il colloquio.
  3. Conosco bene l’azienda? Informati sui suoi servizi e competenze attraverso il sito web, ma verifica anche la sua reputazione: se hai la fortuna di conoscere qualcuno che ci ha già lavorato, fai due chiacchiere con lui.
  4. Mi conviene parlare subito di soldi, citando il mio ultimo inquadramento contrattuale? Assolutamente sì, se hai come obiettivo primario uno stipendio pari o maggiore.

Speech tratto dall’articolo “Trovare il lavoro dei tuoi sogni in 4 step” della rivista Cosmospolitan.
Non troverete solo il mio consiglio (3 step) ma anche quelli di altri esperti che vi aiuteranno a risultare convincente fin dal primo colloquio grazie alle tue qualità ed esperienze.

Ottieni il lavoro che vuoi.
Riscopri le tue ambizioni e valorizza le tue risorse con il self-coaching
Massimo Perciavalle
Clicca qui

Il bilancio dell’anno passato e i nuovi propositi per l’anno che verrà

Siccome il mio compleanno capita ad inizio anno nuovo, mi ritrovo puntualmente a fine anno a svolgere un bilancio di tutto quello che è successo e di cosa ho realizzato.

Per chi come me ama dedicare del tempo a se stessi, per capire cosa è andato bene e cosa si può migliorare, in questo articolo offro spunti interessanti per sviluppare al meglio questa analisi.

Non abbiate fretta e per prima cosa prendetevi del tempo per valutare come è andato l’anno passato.

E’ molto più produttivo iniziare l’analisi  pensando a tutte le realizzazioni compiute durante l’anno. Siamo troppo abituati a ricordare i momenti negativi e a focalizzarci sul bicchiere mezzo vuoto, per cui iniziate a pensare a tutto ciò che di buono avete realizzato.

Il primo lavoro da fare, quindi, è prendere consapevolezza dei propri piccoli e grandi successi.

Nel raccogliere questi pensieri inizierete a cambiare atteggiamento mentale e a focalizzarvi su come siete stati bravi nell’anno passato.

La domanda a cui rispondere è: fai una lista degli obiettivi raggiunti in quest’anno, di tutte le piccole cose che ti eri prefissato e hai realizzato. Chiediti quali risorse hai messo in campo per raggiungere questi successi. Cosa ti riconosci? Cosa possiedi che puoi ancora mettere in campo?
Alla fine della lista prova a pensare: quanto ti senti soddisfatto ora?

Il secondo passaggio invece riguarda tutto ciò che ti ha ostacolato e che non ti ha permesso di raggiungere appieno ciò che avevi preventivato. Cioè cosa poteva andare meglio.
Alla fine di questa lista prova a rispondere a questa domanda. Quali apprendimenti hai fatto? Cosa puoi fare di diverso nel nuovo anno?

buonipropositi

Adesso sei pronto per delineare i tuoi nuovi propositi e obiettivi. Si tratta di pianificare e di capire quali sono le aree prioritarie su cui puntare nel 2016, le cose importanti per voi: area benessere personale, area salute, area relazioni sociali, area sviluppo personale, area famiglia. Capire quali eventi volete creare e sviluppare nel prossimo anno.

I nuovi propositi spesso si concretizzano in una lista di cose che “non vanno” o che semplicemente “vorremmo cambiare”, per migliorare una situazione che non ci piace: cercare un nuovo lavoro ad esempio, pensare al proprio benessere psicofisico, cambiando alimentazione, andando in palestra regolarmente; o lo studio: riprendere a studiare con la grinta giusta, superare quell’esame che tanto abbiamo rimandato, iniziare a scrivere la tesi, etc..)

I buoni propositi sono essenziali per dare motivazione e slancio alle nostre attività e alla nostra vita quotidiana, e anzi guai, se tornassimo dalla pausa natalizia senza neanche lo straccio di un obiettivo da raggiungere. Quello che sbagliamo è, più semplicemente, il metodo.

Ecco un semplice schema per definire un piano solido e concreto che vi guidi durante l’anno:

Definite 1 Proposito/obiettivo del 2016 – siate quanto più specifici possibile

 

Tempi di realizzazione – indicate tempi brevi non oltre 6 mesi

 

Qual è il motivo che ti spinge a realizzarlo? – focalizzatevi sullo scopo

 

Quali sono le azioni concrete che compirai per arrivare al risultato? – segnate almeno 5 azioni concrete che sentite di poter realizzare da subito. 
Segui queste tre semplici regole:

1) Poniti un solo obiettivo alla volta, e non tre o quattro insieme. Deve trattarsi di un obiettivo di portata minima e che realmente dipenda da te (cambiare lavoro è un obiettivo sbagliato, da questo punto di vista. Più realistico, cercare di migliorare le proprie competenze iscrivendosi ad un corso di formazione o cercare seriamente un nuovo lavoro, meglio se riuscite a specificare quale e dove, o cercare di ottenere un piccolo aumento!).

2) Accertati che si tratti di un obiettivo realizzabile in un periodo circoscritto (3 max 6 mesi, giusto per arrivare in primavera con l’entusiasmo di un risultato raggiunto!).

3) Ricordati che dovrai avere determinazione e pazienza; non scoraggiarti se i risultati non arrivano subito, impara a fidarti di te stesso e delle tue capacità di farcela.

Se l’energia e lo slancio dell’arrivo del nuovo anno non ti basteranno, pensa a questo: se nemmeno questa volta riesci ad agire e ad ottenere un minimo risultato, il prossimo anno ti ritroverai nella stessa ed identica situazione. Ne vale la pena? Hai tutte le potenzialità e le risorse per potercela fare, scopri quali recuperare e allenare durante l’anno e agisci con impegno per vincere la tua sfida!

BUON 2016 A TUTTI!